Matdid, materiali didattici di italiano per stranieri a cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi, Scuola d'Italiano Roma

 
 

Roberto Tartaglione  

 
VIETATO VIETARE
  

Leggi, divieti, censure, comportamenti ammessi e comportamenti condannati. E un link sulla nuova legge anti-fumo.

 Mutande pazze: un link sulla censura nelle arti figurative, in particolare su La statua equestre di Domiziano/Nerva; ll Giudizio Universale nella Cappella Sistina; Da Ultima Cena a Convito in casa di Levi; La Cappella de Sylva in Sant'Isidoro a Roma; Venere e Cupido di Ridolfo del Ghirlandaio

Il gusto intenso dell'ultima sigaretta: un link da Italo Svevo

Vedi anche In fila per tre  e gli esercizi sull'imperativo

Livello elementare 2


 
L'Italia è uno strano paese: le strisce pedonali sono spesso solo un'allegra decorazione della strada; buttare  carte o cartacce per terra è normale in molte città; costruire case abusive è un ottimo affare; i programmi per bambini in tv sono pieni di pubblicità; il falso in bilancio per le imprese non è più un reato; evadere le tasse è un vanto e non certo una vergogna; in molte scuole  - nei bagni, almeno - i ragazzi fumano come turchi e (dicono) non solo tabacco; la volgarità nella tv e nella pubblicità è incoraggiata.
La parola "vietato" non basta mai e nei cartelli si scrive "È severamente vietato" o "È assolutamente vietato".

Un "elegante" cartellone pubblicitario che nessuno pensa di vietare
Ma in questo paese, dove tutto è permesso, è anche tutto vietato. Di sesso e morale abbiamo già parlato: vedi Gli uccelli del Brasile o Europa culattona; il divorzio in Italia non è vietato, ma se tutto va bene (cioè se il divorzio è consensuale e non ci sono problemi) per divorziare sono necessari quattro anni: se ci sono problemi - di figli o di soldi, per esempio - allora otto o nove anni possono anche non bastare. La liberalizzazione delle droghe leggere, che anni fa sembrava possibile, oggi è assolutamente impensabile. La fecondazione assistita è proibita e presto avremo un referendum in proposito. E non finisce qui.

 
L'economia italiana è in crisi e lo Stato deve risparmiare. Il ministro della Sanità ha deciso: spendiamo troppi soldi per curare i fumatori. E dal 10 gennaio 2005 in Italia è vietato fumare. Dappertutto: uffici, bar, ristoranti, discoteche, pub, sale da gioco. Multe salate per i trasgressori. Multe doppie se si fuma in presenza di donne in "evidente stato di gravidanza". (Evidente stato di gravidanza?  Pericolosissimo accertarlo!).
 
Ma non importa: il governo - che non ha avuto grandi successi in economia, in politica del lavoro,  in politica estera e nella lotta alla criminalità - ora gioca la sua ultima carta: italiani più sani, italiani più belli.
Prima gli automobilisti (cinture di sicurezza!); poi gli sciatori (il casco per sciare!); oggi i fumatori. Attenti maledetti bevitori! I prossimi siete voi.
 
Il Ministro della Sanità comincia anche a pensare all'obbligo di maglietta e mutande di lana d'inverno (lo sapete quanto costa curare i raffreddori di tutta Italia?). 

 
VIETATO FUMARE

Legge 16.1.2003 n.3 art.51
e successive modificazioni e integrazioni

I trasgressori al divieto
sono soggetti alla sanzione amministrativa pecuniaria
da Euro 27,50 a Euro 275,00. 
La misura della sanzione
è raddoppiata qualora
la violazione sia commessa 
in presenza di una donna
in evidente stato di gravidanza
o in presenza di lattanti
o bambini fino ai 12 anni.
 

La polizia naturalmente dovrà controllare la biancheria intima dei cittadini.
  
Anche il Ministro dei trasporti ha già pronta una sua originalissima  riforma delle tariffe: i ciccioni pagheranno il doppio i biglietti  in autobus, in treno e in aereo. 
Chi venderà o offrirà dolciumi a un cittadino diabetico sarà punito con con una multa da 50 a 500 Euro. La multa è doppia se i dolciumi sono venduti a una diabetica in evidente stato di gravidanza. Multa tripla se la donna, mentre acquistava dolciumi stava fumando.
  
Nessuno potrà più dire che il Capo del governo "è una persona lucida" alludendo al suo cuoio capelluto. Presto anche il trapianto di capelli sarà obbligatorio per tutti.
I killer mafiosi che faranno il lifting potranno ottenere uno 
sconto della pena. Gli evasori fiscali eviteranno la prigione se passeranno 3 mesi in una clinica del benessere in Svizzera.
 
Insomma: i problemi italiani non sono tutti risolti, ma, grazie al nuovo corso della politica,  vivremo tutti mediamente almeno un giorno in più. E quel giorno pioverà.