Matdid: Materiale didattico di italiano per stranieri aggiornato ogni 15 giorni.
A cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi

 
   

Roberto Tartaglione

 
TRENTA GIORNI
HA NOVEMBRE...


 I nomi dei mesi e dei giorni
Link:
Il calendario giuliano e quello gregoriano; Giano e i suoi templi a Roma; Il calendario illustrato
Esercizi con soluzione

 
Livello elementare 2

 

Speriamo che tutti i lettori di Matdid abbiano cominciato bene il nuovo anno.
Abbiamo pensato che, per cominciare l'anno, per prima cosa dobbiamo sapere ... come funziona. Cominciamo perciò dai nomi dei mesi e dei giorni.

 
    
 

I nomi dei mesi risalgono alla Roma delle origini, quando l'anno cominciava in marzo:

Gennaio - da Giano, Dio bifronte che guarda al passato e al futuro
Febbraio - dalla Dea Februa (cioè Giunone Purificata).
Nell'antichità in questo periodo si svolgevano
cerimonie di "purificazione", che nel cristianesimo sono state assorbite dalla Quaresima
Marzo
- dedicato a Marte, Dio della guerra, ma anche della natura che in primavera si risveglia
Aprile - ha la stessa radice del verbo "aprire". In questo mese infatti si apre la bella stagione, la primavera.
Maggio
- Dedicato a Maia, la madre di Mercurio, Dea della terra e dell'abbondanza. Esiste anche la possibilità che questo mese sia invece dedicato a Giove, il "maggiore" degli dei.
Giugno - dedicato alla Dea Giunone, simbolo della fecondità

Quintilius, cioè quinto mese, poi chiamato Luglio - Prende il nome da Giulio Cesare
Sextilis, cioè sesto mese, poi chiamato Agosto - da Augusto
Settembre, ottobre, novembre e dicembre - sono il settimo, l'ottavo, il nono e il decimo mese nel calendario antico

Il mese di maggio nel codice illustrato 'Les Très Riches Heures du Duc de Berry' (entro 1416)

Per quanto riguarda i giorni invece l'origine dei nomi è legata ai corpi celesti: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì corrispondono infatti al giorno della Luna (in inglese Monday e tedesco Montag da Moon, Mond, cioè Luna), di Marte (ingl, Tuesday,  dal nome nordico di questo pianeta, Tiw), Mercurio (ingl. Wednesday  dal nome nordico di Mercurio: Woden), Giove (ingl. Thursday  ted. Donnerstag, dall’equivalente nordico di Giove, il dio Thor), Venere (ingl. Friday, ted. Freitag, da Fria nome nordico di Venere).
Sabato e domenica derivano invece da sabbath ebraico e dal cristiano dies domini, giorno del Signore. In inglese Saturday e Sunday mantengono il riferimento a Saturno e al Sole. In tedesco Sonntag è il giorno del Sole, ma Samstag ha invece la radice ebraica sabbath, come sabato.
 
In ogni lingua poi ci può essere qualche caratteristica diversa: il portoghese ha abbandonato ogni riferimento agli dei pagani e ha preso un sistema numerico di origine cristiana (segunda-feira, terça-feira ecc); le lingue scandinave hanno il sabato che si basa sulla radice laugr-  (svedese Lördag, norvegese Lørdag, islandese  Laugardagur) che significa bagno ...eh sì, il sabato è il giorno del bagnetto, no?; e molte lingue anche di ceppo diverso hanno il mercoledì che significa giorno in mezzo alla settimana: tedesco Mittwoch, finlandese Keskiviikko, islandese Miðvikudagur.  E del resto anche in italiano si può dire scherzosamente "Sei sempre in mezzo, come un mercoledì!"

Per ricordare quanti giorni ci sono in un mese, gli italiani usano spesso una filastrocca che si impara da bambini:

trenta giorni ha novembre
con april giugno e settembre
di ventotto ce n'è uno
tutti gli altri ne han trentuno

Non ci credete? Chiedete a bruciapelo a un italiano: quanti giorni ha il mese di ottobre?
Vedrete che immediatamente lui ripasserà nella sua mente la filastrocca.