SCUDIT, SCUOLA D'ITALIANO ROMA, PRESENTA MATDID, MATERIALI DIDATTICI DI ITALIANO PER STRANIERI A CURA DI ROBERTO TARTAGLIONE E GIULIA GRASSI


 

Materiale: n. 318 -  Data: 01.01.2019  - Livello: avanzato (C1)
Autore: Roberto Tartaglione

 

LA PAROLACCIA N.1
IN ITALIANO


 

Secondo Calvino ha un’espressività impareggiabile. Ed è un jolly linguistico; secondo Umberto Eco quando una lingua si libera di alcuni tabù si raggiunge uno stato di nuova innocenza

Scarica il
testo in pdf

 


I materiali di Matdid sono scaricabili liberamente come supporto per lezioni di italiano. Ne è vietata la pubblicazione su carta o in formato digitale salvo autorizzazione.

Matdid dal 2015 a oggi

Matdid dal 2011 al 2015

Matdid dal 2007 al 2010

Matdid dal 1999 al 2006


 

Vi ricordiamo che Matdid si autofinanzia
attraverso i click sulle pubblicità come quella qui sotto
o attraverso le donazioni in
http://www.scudit.net/donazionematdid.htm

 
 


Non siamo certo i primi a notare che la frequenza d’uso del termine cazzo in italiano parlato sia incredibilmente alta: se è vero come è vero che le prime 1000 parole più utilizzate nella nostra lingua occupano oltre l’85% del nostro lessico quotidiano, non può lasciare indifferenti il fatto che questa, che in teoria dovrebbe costituire un tabù linguistico, occupi nel dizionario di frequenza d’uso dell’italiano parlato (noto come LIP), il ruolo numero 722, una posizione per intenderci più gratificante di quella di sostantivi come  viaggio (781) e saluto (982).  E se pensiamo che nella patria di Michelangelo il termine affresco sta al numero 5914, questo può far riflettere.
Inoltre, considerando che il LIP è del 1993 e che da allora il linguaggio comune non sembra aver preso una direzione più speditamente lanciata verso qualche forma di particolare raffinatezza  o di eleganza metaforica, c’è da ritenere che, in una più aggiornata elaborazione di dati, il termine in questione possa occupare un ruolo perfino più rilevante.
Insomma ci pare che valga la pena studiare con un po' di attenzione questo termine. Certo è volgare: e se è bene che anche gli italiani si controllino un po' nel pronunciarlo, ancor più importante è che gli stranieri non tentino di farne uso per "far vedere come sono integrati". La stessa parola che pronunciata da un madrelingua, al momento giusto, con l'intonazione giusta e nel contesto giusto, può suonare qualche volta perfino divertente, pronunciata da uno straniero, al momento sbagliato, con l'intonazione sbagliata e nel contesto sbagliato, può suonare davvero oscena.

Il materiale che proponiamo è piuttosto ricco. Ne offriamo quindi una versione pdf da scaricare qui sotto.