Matdid: Materiale didattico di italiano per stranieri aggiornato ogni mrse a cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi - Scudit, Scuola d'Italiano Roma

   
 
 

MEMORIA LETTERARIA
E FRASI IDIOMATICHE

Lista di versi di poesie noti a tutti (o quasi)
Ricerca a cura di Scudit, Scuola d'Italiano Roma
Fa parte di Matdid, Materiali Didattici di italiano per stranieri a cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi
 
LIVELLO AVANZATO (C1)

    indice aggiornato 

 


 

 

   

INDICI MATDID:    cronologico   |  per argomento   |   per livello   |   analitico

 

 
 
 
 

 

   
Quali versi di poesie (di scolastica memoria) sono entrati nel "bagaglio culturale" proprio dei nativi italiani?
 
Da una indagine condotta da alcuni studenti stranieri di Scudit, Scuola d'Italiano Roma (e in particolare da
Agata Borkowski), sembrerebbe che almeno i versi qui catalogati facciano ormai parte del repertorio delle frasi idiomatiche italiane più comuni.
E se è vero che l'età degli intervistati ha una grande influenza sulla conoscenza dei versi (eh sì, i più giovani non studiano più a memoria le poesie come una volta!), è anche vero che quando più del 90% del campione sa concludere un verso come EI FU, continuandolo con SICCOME IMMOBILE, possiamo considerare questa espressione come decisamente acquisita dai nativi.

Non a caso versi come questo sono spesso usati nei titoli di giornale o negli slogan pubblicitari, magari storpiati e alterati dall'autore che sa di poter comunque far presa su un riferimento consciamente o inconsciamente noto a tutti.

Precisando che la ricerca non ha un rigoroso valore scientifico ma esclusivamente indicativo, siamo disponibili a rispondere via e-mail a quanti siano interessati a conoscere i risultati più in dettaglio. Qui elencheremo solo, in ordine decrescente di "importanza" i versi che dalla ricerca appaiono più noti agli italiani. Nella seconda colonna della tabella è indicata la percentuale di intervistati che ha dimostrato di conoscere il verso (per esempio, il 93% delle persone a cui è stato detto "ei fu" ha automaticamente continuato il verso con "siccome immobile".

Ei fu - siccome immobile 93%
O cavallina - cavallina storna 93%
La donzelletta - vien dalla campagna 89%
La nebbia - agli irti colli 87%
L'albero a cui tendevi - la pargoletta mano 81%
M'illumino - d'immenso 77%
Sempre caro mi fu - quest'ermo colle 77%
Chiare fresche - dolci acque 75%
T'amo - pio bove 75%
Eran trecento - eran giovani e forti 62%
Tanto gentile - e tanto onesta pare 62%
Se fossi fuoco - arderei il mondo 62%
La vispa Teresa - avea tra l'erbetta 60%
D'in su la vetta - della torre antica 60%
Silvia - rimembri ancor? 56%
O Valentino - vestito di nuovo 54%
Quant'è bella giovinezza - che ci sfugge tuttavia 54%
S'ode a destra - uno squillo di tromba 39%
I cipressi che a Bolgheri - alti e schietti 37%
Il morbo infuria - il pan ci manca 37%
Ritornava una rondine - al tetto 35%
Meriggiare - pallido e assorto 33%
Né mai più rivedrò - le sacre sponde 27%
Vostra eccellenza - che mi sta in cagnesco 25%
Forse perché della fatal quiete - tu sei l'imago 20%
Un dì s'io non andrò - sempre 18%

 
 

 

Scud'It
Scuola d'Italiano Roma