Matdid, materiali didattici di italiano per stranieri a cura di Roberto Tartaglione e Giulia Grassi, Scuola d'Italiano Roma

 
 

Roberto Tartaglione

 

TORNA A 
SURRIENTO

 

Testo con traduzione italiana di una canzone del 1902, che tutti credono una canzone d'amore. 

 

 TORNA ALLA LETTURA


 
Torna a Surriento č una tipica "canzone occasionale" e, al contrario di quello che molti pensano, non una canzone d'amore.
Nel 1902 l'onorevole Giuseppe Zanardelli č ospite al Grand Hotel di Sorrento. Guglielmo Tramontano, il proprietario dell'albergo, spera di convincerlo a fare aprire in paese un ufficio postale.
Per essere ancora pių convincente (e per fare in modo che Zanardelli non si dimentichi delle promesse come sono soliti fare i politici), Tramontano chiede ai fratelli Gian Battista ed Ernesto De Curtis di scrivere velocemente una canzone per l'illustre ospite. E cosė il giorno dopo, al momento della sua partenza da Sorrento, Zanardelli si sente dedicare un'improvvisata "Torna a Surriento". Dopo un paio 
d'anni, riveduta e corretta, la canzone partecipa alla festa di Piedigrotta e diventa un grande successo internazionale. E a Sorrento ci sarā un bell'ufficio postale.


 
  

TESTO ORIGINALE IN NAPOLETANO

Vide 'o mare quant'č bello!
Spira tantu sentimento.
Comme tu a chi tiene mente
Ca scetato 'o faje sunnā.

Guarda, gua' chistu ciardino;
Siente, sie' sti sciure arance.
Nu prufumo accussė fino
Dinto 'o core se ne va...

E tu dice "I' parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnā

Ma nun me lassā
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campā!

Vide 'o mare de Surriento,
Che tesoro tene 'nfunno:
Chi ha girato tutto 'o munno
Nun l'ha visto comm'a ccā.

Guarda attuorno sti sserene,
Ca te guardano 'ncantate
E te vonno tantu bene...
Te vulessero vasā.

E tu dice "I' parto, addio!"
T'alluntane da stu core...
Da la terra da l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turnā

Ma nun me lassā
Nun darme stu turmiento!
Torna a Surriento,
Famme campā!
TRADUZIONE IN ITALIANO

Vedi il mare come č bello!
Ispira molto sentimento.
Come te che a chi guardi
Da sveglio lo fai sognare.

Guarda, guarda questo giardino;
Sente, senti questi fiori d'arancio.
Un profumo cosė delicato
dentro al cuore se ne va...

E tu dici: "Io parto, addio!"
Ti allontani da questo cuore...
Dalla terra dall'amore...
Hai il coraggio di non tornare?

Ma non lasciarmi,
Non darmi questo tormento!
Torna a Sorrento,
Fammi vivere!

Vedi il mare di Sorrento,
Che tesori ha nel fondo:
Chi ha girato tutto il mondo
Non l'ha visto come qua.

Guarda intorno queste Sirene,
Che ti guardano incantate
E ti vogliono tanto bene...
Ti vorrebbero baciare.

E tu dici: "Io parto, addio!"
Ti allontani da questo cuore...
Dalla terra dall'amore...
Hai il coraggio di non tornare?

Ma non lasciarmi,
Non darmi questo tormento!
Torna a Sorrento,
Fammi vivere!