SCUDIT, SCUOLA D'ITALIANO ROMA, PRESENTA MATDID, MATERIALI DIDATTICI DI ITALIANO PER STRANIERI
A CURA DI ROBERTO TARTAGLIONE E GIULIA GRASSI


 

Materiale: n. 117_link  -  Data: 25.01.2004  - Livello: elementare (A1/A2) - autore: Roberto Tartaglione

IL CASO MATTEI: L'INCHIESTA

Chi ha fatto assassinare Enrico Mattei?

 

TORNA ALLA LETTURA  

I materiali di Matdid sono scaricabili liberamente come supporto per lezioni di italiano. Ne è vietata la pubblicazione su carta o in formato digitale salvo autorizzazione.

Matdid dal 2015 a oggi

Matdid dal 2011 al 2015

Matdid dal 2007 al 2010

Matdid dal 1999 al 2006


 
 
La prima inchiesta sulla morte di Mattei si è conclusa negli anni Sessanta in modo molto frettoloso. Secondo le conclusioni della magistratura si è trattato di un semplice incidente.
 
Non tutti però hanno creduto a questa versione dei fatti. Parecchi punti restavano oscuri e in particolare era molto misterioso il fatto che un testimone prima ha dichiarato di aver visto un'esplosione nel cielo e poi ha cambiato versione e ha detto di avere solo sentito lo schianto dell'aereo a terra.
 
Negli anni Settanta il regista Francesco Rosi gira il film "Il caso Mattei". Per analizzare i fatti chiede aiuto a un giornalista che si chiama Mauro de Mauro. Il giornalista fa le sue indagini e improvvisamente scompare, certamente ucciso dalla mafia. C'è relazione fra la morte di De Mauro e il caso Mattei?
 
Infine, negli anni Novanta, alcuni mafiosi "pentiti" confessano: Mattei è stato assassinato. La mafia siciliana, su ordine di quella americana, ha piazzato una bomba sul suo aereo.

Dopo questa confessione i magistrati di Pavia riaprono l'inchiesta sulla morte di Mattei. 
In pochissimo tempo scoprono che - senza dubbio - l'aereo è caduto per una esplosione a bordo. Mattei è stato assassinato:"l'aereo, a bordo del quale viaggiavano Enrico Mattei, William Mc Hale e Inrneio Bertuzzi, venne dolosamente abbattuto nel cielo di Bascapè la sera del 27 ottobre 1962. Il mezzo utilizzato fu una limitata carica esplosiva, probabilmente innescata dal comando che abbassava il carrello e apriva i portelloni di chiusura dei loro alloggiamenti".
La bomba, quasi sicuramente, è stata messa sull'aereo dalla mafia. Ma certamente la mafia ha agito per ordine di qualcuno. Questo qualcuno resta ancora sconosciuto e le ipotesi sui possibili responsabili numerosissime:

Le sette sorelle che temevano "l'autonomia energetica" dell'Italia?
La CIA che non accettava i rapporti economici fra Italia e Russia proprio in un momento politicamente teso come quello della "Guerre fredda"?
L'OAS (Organisation Armée Secrèt, organizzazione di estrema destra francese) che voleva impedire i finanziamenti di Mattei ai movimenti indipendentisti dell'Algeria?
I Servizi Segreti inglesi che da sempre hanno avuto il potere di controllare che l'Italia non avesse mai un ruolo di rilievo nell'area mediterranea con particolare riferimento alla sua politica energetica?
O si tratta di un delitto politico tutto italiano, realizzato da chi temeva una figura così potente come quella di Mattei, da chi voleva prenderne il posto?

A queste domande non c'è risposta. O forse sì. Ma noi comunque una mezza idea ce l'abbiamo.
E voi?